Fate The Winx Saga
Frame dalla sigla d’apertura della serie (©Netflix)

Febbraio ha visto lo sbarco su Netflix della prima stagione dell’adattamento live action del Winx Club in chiave young adult.

Bloom, Stella, Aisha, Musa e Terra prendono vita in un patetico adattamento che non sembra particolarmente riuscito. L’esclusione di alcuni personaggi chiave e la completa invenzione di altri, fa già storcere non poco il muso. Terra è infatti un personaggio totalmente nuovo nella saga, inserita come cugina di Flora (così, a caso), la quale (per assurdo) è invece lasciata fuori dall’adattamento, alla pari di Tecna.

La nuova serie è piena di contraddizioni e di riadattamenti che si allontanano completamente dalla saga originale:

Il Regno di Alfea infatti dovrebbe essere uno dei sette regni fatati interconnessi tra loro, ma l’uno diverso dall’altro. In Fate: The Winx Saga essi sono invece l’uno uguale all’altro, assimilati tra loro nella stessa caratteristica, quella di adolescenti ammaliati unicamente dal potere di Instagram. Va benissimo renderla più moderna ed appetibile al target al quale è destinata, ma della saga originaria cosa resta?

La magia è praticamente centellinata, per non dire completamente assente. Sicuramente non è certo la protagonista, al contrario di ciò che avveniva nella serie animata originaria (ricordiamo Made in Italy). I personaggi sono mal caratterizzati e per assurdo è forse Terra (il personaggio completamente inventato) ad essere quello che appare più a fuoco nell’intera serie. In essa infatti chi guarda può rispecchiarsi maggiormente e rivedercisi nei comportamenti e nelle dinamiche della serie. Impacciata nei modi, un po’ timida negli approcci con gli altri e fisicamente robusta ma non per questo succube di bullismo, anzi riesce a tener testa a chi la denigra. E’ forse questa la chiave più interessante nel quale poter esprimere l’unico giudizio positivo di questa serie, diciamolo a chiare lettere…mal riuscita.

E voi consa ne pensate di FATE: The Winx saga? Fatecelo sapere commentando nei nostri social.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta