CaroLei "Figurati Poi" - Musicaetv.it
CaroLei (Immagine uso stampa)

“Figurati poi” è il nuovo singolo di CaroLei, un brano leggero che fa della spensieratezza dei vent’anni un inno generazionale, in cui l’amore viene visto come un gioco, ma non per questo risulta semplice e longevo. Reagire è la parola chiave in “Figurati poi”, anche e soprattutto quando la persona amata se ne va dalle nostre vite. 
 Sentimenti, amore e delusione rappresentano il classico mix di emozioni da provare a vent’anni, CaroLei è un poeta moderno e racconta la storia di un amore ormai giunto al capolinea.

CaroLei, "Figurati Poi" - Musicaetv,it
Francesco Armenise, in arte CaroLei (Immagine uso stampa)

Breve bio

CaroLei, nome d’arte di Francesco Armenise, nasce a Cosenza nel 99, sotto il segno dell’ariete. Insieme alla gemella Maria. Cresciuto con un cane e un pianoforte, si avvicina alla musica all’età di 9 anni. Prende lezioni di piano presso un’accademia musicale, per poi avvicinarsi al canto. Inizia a comporre negli anni del liceo, dovendo però mettere in stand by questa passione per concentrarsi sugli studi come voluto dal papà. Proprio per questo, dopo il diploma intraprende un percorso universitario, che interromperà pochissimo tempo dopo, e inizia un nuovo percorso l’anno seguente nella facoltà di logopedia, ma il focus è sempre sullo scrivere e comporre canzoni. Inizia a tirare fuori ciò che aveva nel cassetto da anni,  e nel 2021 pubblica per la Gotham dischi “Figurati Poi”, il suo brano d’esordio.

CaroLei "Figurati Poi" - Musicaetv.it
La copertina del singolo “Figurati Poi” (immagine uso stampa)

L’intervista

Il giovane artista ci ha concesso una breve intervista, con il quale proviamo a conoscerlo meglio e scoprire qualcosa in più relativamente alla sua musica, al suo futuro e alle sue passioni.

  • 1) Da dove nasce il tuo nome d’arte?

Carolei vuol dire più cose. È un nome che non ha un genere. È anche una sorta di lettera a se stessi, un invito a prendersi cura di sé. Da piccolino avevo un diario in cui parlavo di cose che mi facevano paura. Spesso iniziavo con “Caro Lei…”, dandomi del lei pur rivolgendomi a me stesso, non so perché lo avessi fatto, ma per quanto fosse una cosa sgrammaticata e buffa, a rileggerla a distanza di anni, la trovo dolce nei confronti di me stesso. Inoltre Carolei è un piccolissimo paesino in provincia di Cosenza, la città dove sono nato, dove vinsi la mia prima medaglia in un concorso di canto a 14 anni.

  • 2) Se dovessi fare il nome di un’artista o un gruppo che ha ispirato la tua musica,quale sarebbe?

Mi sono avvicinato alla musica grazie alle canzoni di Elisa che mi faceva ascoltare mia zia da piccolino. Penso che implicitamente e inconsciamente qualcosa della sua musica mi influenzi. Ho iniziato a scrivere però quando mi sono avvicinato alla scena indie italiana, che racconta le cose senza troppi filtri e fronzoli, in modo davvero poco costruito.

  • 3) In quale genere musicale pensi di poterti collocare come artista?

Mi definirei indie pop.

  • 4) Quali sogni hai per il futuro?

Voglio comporre e scrivere ancora altra musica. Mi diverte farlo e voglio sicuramente continuare. Non so cosa il futuro mi riserverà ma sono felicissimo di questa collaborazione con la Gotham dischi.

  • 5) Hai seguito il festival di Sanremo quest’anno? Chi è stato/a il/la tuo/a preferito/a?

Assolutamente si. Ho amato la personalità di Madame, la scrittura di Fulminacci, l’eleganza di Noemi e la sensibilità de La rappresentante di Lista, oltre al flow di WilliePeyote. La mattina però mi sveglio sempre canticchiando “Fiamme negli occhi” dei Coma_Cose!!

Ringraziamo CaroLei per averci concesso quest’interessante intervista esclusiva, e auguriamo lui di calcare ben presto il palco di Sanremo.

Che ne pensate del suo nuovo singolo? fatecelo sapere commentando l’articolo e condividendolo sui social.

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO SUGLI ASTRI NASCENTI DELLA MUSICA ITALIANA (link in alto della HOME)

2 pensiero su “Carolei: “Figurati Poi” è il nuovo singolo – INTERVISTA”
  1. Per me super e potrebbe andare a Sanremo ,ogni volta che l’ascolto mi sembra sempre più bella!!!!!

Commenta