Mahmood, "Ghettolimpo" - Musicaetv.it
Mahmood (dal web)

“Ghettolimpo”, il nuovo album di Mahmood

Il 2019 era stato un anno di svolta per Mahmood, grazie alla vittoria sanremese di “Soldi” e al successo del disco d’esordio “Gioventù bruciata”. L’11 giugno scorso il cantautore milanese è tornato sulle scene musicali con il suo secondo attesissimo album, dal titolo “Ghettolimpo”.

Anticipato dai singoli “Rapide”, “Dorado”, “Inuyasha”, “Zero” e “Klan”, il progetto racchiude gli ultimi due anni vissuti dall’artista, tra cambiamenti, fama, esperienze personali e nuove realtà. Quindici le tracce, tre i featuring e una produzione variegata, che vede i nomi di Dario Faini (in arte Dardust o DRD), Francesco “Katoo” Catitti, Wood Kid e Muut.

Queste canzoni le ho portate dietro con me per più di due anni, cercando di capire ogni giorno cosa realmente stesse cambiando nella mia vita. Ho conosciuto tante persone nuove, ho cercato di parlare in altre lingue facendomi capire la metà delle volte, ho sempre cercato di passare il tempo libero con mia madre ed i miei amici, ho amato ed ho avuto i miei momenti bui. Sono stati due anni in cui ho capito di non poter essere ciò che la gente si aspetta che io sia e di questo, per un po’, me ne son fatto una colpa. Quando ero un bambino leggevo sempre lo stesso libro di mitologia greca e immaginavo sempre un mondo in cui gli dei e gli umani potessero incontrarsi. Mai avrei pensato che, su un aereo per Tunisi, avrei iniziato a scrivere le prime righe di questo mondo.

Mahmood (da Instagram)

Il concept dell’album

Mahmood, Ghettolimpo - Musicaetv.it
Mahmood, Instagram

“Ghettolimpo” racchiude un mondo dalle mille sfaccettature, quelle di Mahmood, che in questo disco ha deciso di fondere insieme ricordi del passato e situazioni del presente, sentimenti e riflessioni, viaggi e ritorni alle proprie origini: il tutto narrato attraverso il filtro della mitologia greca.

È un disco che ho iniziato a scrivere due anni e mezzo fa, subito dopo Sanremo, è molto legato ai miei viaggi. Tutto è partito da un aereo in direzione Tunisi, infatti il primo pezzo che ha preso forma è stato “Baci Dalla Tunisia”. In questo album c’è un mondo che ho creato io, che ha partorito la mia mente e deriva dalla mia passione per la mitologia. Mamma da ragazzino mi regalò una sorta di enciclopedia. Alla fine del volume c’era un dizionario mitologico. Mi piaceva l’idea di declinare la mitologia nel quotidiano, di legarla a una sfera umana. In “Rapide” canto: “Il ricordo è peggio dell’Ade”, paragonando qualche cosa di doloroso agli inferi. È stato il primo riferimento, mi ha acceso una luce. Il disco non vuole parlare di dei o di persone che vivono nel ghetto, vuole essere un punto di incontro fra l’alto e il basso. Ghettolimpo rappresenta ciò che sta a metà, mette al centro gli eroi di tutti i giorni, persone normali raccontate come divinità.

(Mahmood, Intervista per Rockol)

L’universo raccontato dall’artista è una sorta di terra di mezzo, un limbo tra ghetto e Olimpo, tra la cruda realtà e l’inarrivabile benessere, tra umano e divino. Brano dopo brano, come dimostra la scelta delle visual, veniamo catapultati in una sorta di videogame, in una dimensione caotica in cui per sopravvivere è necessario superare diversi livelli: a giocare la partita sono individui comuni, ma al contempo straordinari, che cercano di trovare un senso alla propria esistenza semplicemente affrontando le difficoltà del vivere quotidiano.

Un Narciso al contrario

Mahmood, "Ghettolimpo" - Musicaetv.it
Copertina di “Ghettolimpo”

«È un Narciso demoniaco. Di quando mi guardavo allo specchio e non mi riconoscevo. In copertina, la mia immagine distorta. È il timore di allontanarmi dalle origini. Non dimentico il passato. Anzi, ne sono orgoglioso». 

Mahmood

Tracklist

  1. Dei
  2. Ghettolimpo
  3. Inuyasha
  4. Kobra
  5. Baci dalla Tunisia
  6. Klan
  7. Zero
  8. Rubini (feat. Elisa)
  9. Dorado (feat. Sfera Ebbasta & Feid)
  10. Talata (٣)
  11. T’amo
  12. Karma (feat. Wood Kid)
  13. Rapide
  14. Icaro è libero
  15. Klan – Spanish Version

Dentro i brani

Mahmood, "Ghettolimpo" - Musicaetv.it
Visual di “Dei”

In cima alla tracklist di “Ghettolimpo” troviamo “Dei”, brano che ci trasporta immediatamente dentro il primo livello di questo avvincente viaggio. È la strumentale dai suoni arabeggianti a condurci in un’atmosfera mistica, a tu per tu con alcune divinità che popolano l’Olimpo: Zeus, Era, Hermes, Ade, Venere, Tritone, Poseidone, Apollo e Atena. Inizia il gioco.

Mahmood, "Ghettolimpo" - Musicaetv.it
Visual di “Ghettolimpo”

Con la title-track “Ghettolimpo”, Mahmood compie un salto nei ricordi d’infanzia: l’intro a cappella rievoca la melodia delle Cinque Preghiere del Giorno, associate dall’artista al suo primo viaggio in Egitto.

Avevo 8 anni la prima volta che sono andato al Cairo con mio padre e ricordo come fosse ieri il suono delle Cinque Preghiere del Giorno che riecheggiava in tutta la città. In “Ghettolimpo” ho cercato di attingere il ricordo di un suono che non mi è mai uscito dalla testa.

(Mahmood, Instagram)

Un brano intimo, in cui l’io di Mahmood si muove a ritroso nel tempo, fino ad osservare il se stesso bambino. Dall’alto del successo l’artista apre una finestra sul proprio passato, riassaporandone i momenti di spensieratezza, ma anche di difficoltà. Di esso non vorrà mai veder sfocati i contorni.

Una visione profonda dell’amore

Inuyasha è una profonda visione dell’amore. Il titolo della traccia si rifà all’omonimo manga giapponese di Rumiko Takahashi, in seguito diventato anche un anime: il protagonista, Inuyasha per l’appunto, è un mezzo demone cane che insieme al suo gruppo va alla ricerca dei frammenti della Sfera dei Quattro Spiriti, potente gioiello in grado di rendere estremamente potente chi lo possiede.

Seppur la sua natura lo spingeva a trasformarsi in un demone a tutti gli effetti, Inuyasha tratteneva la propria cattiveria, per evitare di completare la propria metamorfosi e far del male ai compagni.

L’album prosegue con “Kobra”:

Tante collaborazioni

Ad impreziosire la raccolta, tante prestigiose collaborazioni. Da quella già celebre con Sfera Ebbasta e Feid in “Dorado” a “Rubini”, con la cantante Elisa. A completare la tracklist dei featuring troviamo “Karma”, con Woodkid.

VOTO 4/5

MAHMOOD, “GHETTOLIMPO” – PLAYLIST SPOTIFY

Lo avete già ascoltato, vi è piaciuto? fatecelo sapere commentando l’articolo sui nostri social Facebook e Twitter.

Commenta